Ormai l’eco sostenibilità fa parte dei discorsi quotidiani. Si vuole riciclare di più, vogliamo inquinare meno ed evitare di sprecare acqua ed energia. Ma cosa succede quando andiamo in vacanza? Quando sentiamo parlare di turismo sostenibile, di solito ci viene in mente l’idea di dormire in tenda nel mezzo dell’Amazzonia ma, la realtà è molto più ampia; è coscienza, atteggiamenti. Possiamo essere turisti responsabili ovunque andiamo, anche nelle grandi città.

Paris Eiffel tower tourist happy backpacking in Europe. Cheerful smiling woman tourist showing thumbs up success sign in front of Eiffel Tower, Paris. Beautiful Asian Caucasian female model.

Ecco i consigli di Komama per essere degli eco turisti nelle grandi città :

Come viaggiare

Quando si pensa al turismo sostenibile, di solito viene subito l’idea di quali atteggiamenti ecologici adotteremo una volta giunti a destinazione. Ed il viaggio non conta? Per darvi un’idea, per esempio, in un viaggio di mille chilometri, in macchina rappresenta circa un emissione di 190 kg di CO2, in aereo è di circa 450 kg di CO2, mentre il treno è di circa 25 chili di CO2, a persona! Gli esperti la chiamano l’impronta ecologica del viaggio.  Ovviamente per raggiungere certi posti non possiamo smettere di prendere l’aereo ma per fare fronte a questo inquinamento gli ambientalisti consigliano di partecipare alle attività di riforestazione. Ogni albero piantato è in grado di rimuovere circa 10 chili di carbonio dall’atmosfera e compensare l’impronta ecologica prodotta durante il viaggio.

Dove dormire

Come fate a sapere se un hotel è ecologico oppure no? Quali criteri devono soddisfare? L’ hotel ecologico per eccellenza è Concious Hotel vincitore della Golden Green Key. Questa struttura non soltanto offre camere a basso impatto ambientale ma anche i prodotti della prima colazione provengono dal commercio equo. Inoltre, i mobili delle camere sono stati fabbricati interamente con materiali riciclati e le docce hanno un sistema di risparmio idrico. Esistono anche delle strutture decisamente più economiche come l’ostello Sleep Green Barcelona. Questo ostello, a basso impatto ambientale, è stato premiato per il suo impegno nel turismo sostenibile.
Al momento di pianificare le vostre vacanze, un’altra alternativa può essere di consultare la sezione dedicata al turismo di EU Eco Label. Sul sito troverete l’elenco delle strutture alberhiere di qualità ecologica.

dsc_0125conscious-museum-square

Dove mangiare

Senza dubbio, una delle principali caratteristiche del turismo sostenibile è, precisamente, l’alimentazione ecologica. Nella città di Brighton è nato Silo, un ristorante a zero impatto ambientale. La produzione di rifiuti è stata eliminata utilizzando vasi di consegna riutilizzabili ed ingredienti locali. All’interno del ristorante hanno la loro propria compostiera che durante il mese di settembre, trasforma qualsiasi dei loro scarti in un compost utilizzato per produrre più cibo … La chiusura del ciclo.
Sebbene ancora non ci siano tanti ristoranti totalmente ecologici, un’ottima alternativa può essere scegliere quella di mangiare nei mercati urbani come quello di Madrid, El huerto de Lucas. Oltre ad essere un gioiello di architettura sostenibile, è un mercato dove si possono gustare specialità spagnole e acquistare prodotti freschi locali.

silo

el-huerto-de-lucas-madrid-talestrip-2

Come muoversi

Se la vostra prossima meta è una metropoli informatevi e studiate bene il sistema della metropolitana. Rispetto ad altri mezzi di trasporto è molto più economico e anche in grado di percorrere l’intera città in un tempo molto breve. Inoltre, quasi tutte le grandi città offrono un servizio di bike sharing. Velib Paris, per esempio, dispone di un totale di 14.500 biciclette ed una rete di 1.230 stazioni posizionate per tutta la città.
Ma senza dubbio l’alternativa più economica ed ecologica è quella di essere noi i nostro proprio mezzo di trasporto… Camminandosi apprezza di più il paesaggio, ed inoltre si fa esercizio!

velib-in-paris

Dove fare shopping

I mercatini dell’usato, o miglior noti come mercatini delle pulci, sono i posti top per fare shopping in modo sostenibile. In questi luoghi magici potete acquistare dei ricordi di sicuro molto più preziosi che nei soliti negozi di souvenir. Tre dei migliori in Europa sono il Flohmarkt im Mauerpark a Berlino, Portobello Road a Londra e Marché aux Puces a Parigi.

flohmarkt-fehrbelliner-platz-berlin-09-e1413728717440

Shares
Share This

SEGUICI SU FACEBOOK!

Aggiornamenti su alimentazione naturale, salute, bellezza, risparmio e ambiente.

Komama

SEGUICI SU FACEBOOK!